VACANZE CON IL CANE: COME E PERCHE’

Ci siamo, vogliamo partire in vacanza con il cane per la prima volta! Siamo sicuri di avere tutto sotto controllo? Ecco qualche consiglio/avvertimento utile a passare una vacanza serena!

Prima di partire per una vacanza con il cane, è opportuno preparare innanzitutto il cane: lo scodinzolante amico deve essere socializzato correttamente con il mezzo di trasporto scelto (auto, treno,traghetto); deve essere abituato ad aspettarci da solo anche in luoghi sconosciuti (case vacanza, stanze d’albergo, agriturismi ecc); deve avere una buona preparazione educativa o fisica in base al tipo di viaggio prescelto. La preparazione del quattro zampe è la principale prerogativa che permette di trascorrere una bella e serena vacanza per entrambi: umani e cani.

VACANZE CON IL CANE: IL VIAGGIO

• Il mezzo prediletto per poter partire con il proprio cane è sicuramente l’automobile (vi linkiamo l’articolo sul nostro sito amico BauSocial).
Alcune settimane (in certi casi anche mesi) prima di partire, occorre abituare il caro amico all’andamento della vettura con brevi (o brevissimi) giri che pian piano andranno ad aumentare nei giorni successivi, per evitare così malesseri come la cinestosi canina o stress da viaggio: alzarsi, sdraiarsi e girarsi nell’abitacolo aiuta il cane a mantenere l’equilibrio e a gestire lo stato di cinestosi; le apposite cinture di sicurezza vanno utilizzate solo se il cane è ben abituato all’imbracatura.
L’automobile è il miglior mezzo per viaggiare con un quattro zampe a bordo perché permette di rispettare le esigenze che dipendono dell’animale – indicativamente si consiglia di fermarsi ogni due ore;

• La scelta di altri mezzi di trasporto (come treni e traghetti) premette un’ulteriore socializzazione con gli ambienti pubblici e le situazioni caotiche che girano intorno a quest’ultimi;

IL SOGGIORNO

Qualsiasi tipo di oggetto familiare migliora il soggiorno dell’amico cane perché lo aiuta ad adattarsi al nuovo ambiente (cuscini,copertine, giochi ecc.), ed è importante mantenere lo stesso tipo di alimentazione quotidiana;

Mettere in conto che l’amico a quattro zampe non può essere perennemente con noi è di fondamentale importanza per il benessere di entrambi: i cani non possono entrare nei supermercati, negli ospedali in casi di urgenza, non amano stare in locali affollati o chiassosi e non apprezzano stare in spiaggia nelle ore più calde.
Detto ciò, lo scodinzolante amico deve essere ben educato ad aspettarci da solo in stanza senza danneggiarla o disturbare il soggiorno altrui (oltre ad andare in uno stato di stress). Il percorso educativo va iniziato molto prima della partenza (e non durante la vacanza): consigliamo, per personale esperienza, di insegnare adeguatamente al cane l’esercizio del “resta”;

 

vacanze con il cane

LE METE PER LE VACANZE CON IL CANE

Il mare con le sue spiagge (soprattutto le Pet friendly) è una delle mete più impegnative per un quattro zampe: le alte temperature posso portare al letale colpo di calore (l’ombra dell’ombrellone non è sufficiente per un cane!), l’ingestione di acqua salata può provocare vomito e diarrea, la presenza ravvicinata di altri quattro zampe potrebbe non essere del tutto gradita dal nostro cane. Per contrastare queste problematiche consigliamo di evitare di portare l’amico cane al mare nelle ore più calde, di farlo rinfrescare in acqua ogni volta che ne sente il bisogno (senza forzarlo) e prediligiamo angoli appartati e ombreggiati da boschi o pinete; alla fine della giornata, sciacquiamo con acqua dolce il manto del cane perché la salsedine può causare brutte dermatiti;

La montagna è la meta più idonea per l’amico quadrupede, anche se occorre fare attenzione alla sua preparazione fisica e alle conformità di razza: i lunghi trekking con mancanza di allenamento possono causare ferite ai cuscinetti delle zampe (traumi, lesioni,ferite: cosa fare e come prevenirli) e alcune razze (come per esempio i brachicefali) non sono assolutamente idonee per lunghe passeggiate; • Le città (soprattutto nei mesi estivi) non sono mete propriamente idonee per un cane, perché il rischio del colpo di calore o ustioni alle zampe dovute all’asfalto bollente è molto alto; inoltre, occorre pensare che i bisogni o i piaceri che descrivono l’alterità nel cane sono ben diversi da quelli umani: all’amico quadrupede poco importa di visitare monumenti, fiere, mercati ecc. e probabilmente preferirebbe stare a rilassarsi in un luogo fresco e tranquillo.

Questo è tutto ciò che serve sapere per una vacanza con il cane come si deve: non dimenticarti di raccontarci come è andata!


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *