COSA METTERE IN VALIGIA PER VIAGGIARE CON IL CANE

L’articolo è stato realizzato grazie a Dania Pellegrini, Coadiutore del cane in attività assistite di Pet Therapy, educatore cinofilo a Varese e compagna di viaggio di Bonnie, Clydewww.clydetherapy.it Dove, come e cosa portare nel bagaglio di viaggio del nostro amico cane: oramai, gli scodinzolanti compagni vengono sempre più spesso portati in vacanza con noi, e così aumentano anche i dubbi dell’aver portato tutto l’occorrente oppure no.

Prima di tutto, l’amico cane richiede delle esigenze primarie: cibo ed acqua.
Per il suo benessere fisico è opportuno mantenere le stesse abitudini alimentari, soprattutto se si parte per una vacanza all’estero: procurarsi una scorta di cibo da casa è un’ottima soluzione per evitare problemi intestinali al quadrupede.
Per qualsiasi tipologia di gita fuori porta sono indispensabili la ciotola portatile consiglio la fantastica Travel Bowl che occupa ancora meno spazio delle classiche
ciotole pieghevoli – e la borraccia riservata al quattro zampe – in commercio è
possibile trovarne alcune con ciotolino incorporato.

Nel bagaglio del quadrupede lasciamo un posticino adibito per il suo pronto soccorso: garze, cerotti, disinfettante (il Betadine è il migliore), lo Streptosil in polvere per cicatrizzare piccole ferite, l’acqua ossigenata è adatta per punture d’insetto o morsi di vipere – mentre l’alcool è da evitare!
L’Enterogermina è ottima per eventuali mal di pancia; il Dontral cani, invece, serve a combattere la tenia, un parassita intestinale che appare all’interno delle feci. Questo vermiciattolo candido è innocuo se viene eliminato fin da subito, e può essere trasmesso al cane dagli animali selvatici (e non) del luogo.

Per mia personale esperienza, consiglio a tutti i fan dei trekking a quattro zampe di portare anche una boccetta di olio di vaselina per i cuscinetti delle zampe dello scodinzolante escursionista, che serve a prevenire eventuali lesioni o screpolature che possono mettere a repentaglio la salute dei suoi piedi – oppure in commercio esistono delle apposite scarpette, alle quali bisogna abituare precedentemente il quadrupede camminatore.

Dopodiché, possiamo pensare agli accessori: in alcuni paesi esteri e mezzi pubblici di tutta Europa viene richiesto l’uso del trasportino per le taglie piccole e l’obbligo della museruola per le taglie medio/grandi. Nel secondo caso, raccomando la tipologia detta Basket e sconsiglio vivamente il modello in nylon: quest’ultimo non permette al cane di aprire la bocca per eliminare il calore, causandogli così un notevole aumento delle temperatura corporea che normalmente verrebbe espulso.

Oltre al comune guinzaglio potrebbe risultare comoda una lunghina da lavoro dai tre ai cinque metri: fantastica per le scampagnate nei parchi naturali (con obbligo di guinzaglio) o per i quadrupedi furbetti che non conoscono ancora la comunicazione del richiamo.
Inoltre, nella maggior parte dei parchi naturali è obbligatorio raccogliere le deiezioni: i comuni sacchetti adibiti all’uso sono decisamente scomodi a causa
della mancanza di cestini, dunque consiglio la paletta ecologica per cani.

Per le scampagnate suggerisco il collare con la fibbia a scatto perché nelle emergenze il cane può essere sganciato sull’immediato. Invece, in alta montagna è bene portarsi anche una pettorina – io utilizzo quella detta ad H – e una corda d’arrampicata con moschettone per le imprevedibili operazioni di salvataggio.
Infine, parliamo dello zaino apposito per cani: similissimo ad una bisaccia, possiede una tasca per lato dove riporre gli accessori utili per il fido avventuriero.
Però, questo simpatico oggetto potrebbe risultare molto fastidioso per il cane se non viene utilizzato nel modo corretto: il quadrupede va abituato gradualmente ad indossarlo, prima da vuoto e poi pian piano iniziamo ad inserire dei piccoli pesi. Il carico deve essere equivalente da una tasca all’altra per non sbilanciare il nostro quadrupede durante la gita e dev’essere 1/10 del suo peso corporeo meno 1.
Per esempio il mio amico a quattro zampe pesa 30kg, 1/10 di 30kg
corrisponde a 3kg, meno 1 corrisponde ad un massimo di 2kg che il mio Clyde
può portare nel suo zaino: 1kg nella tasca di destra e 1kg nella tasca di sinistra.

Non ci resta che augurarvi buon viaggio!







Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *